La rivista edita a Venezia da Vittoria de Buzzaccarini compie 25 anni

Scarsella.DSC_2962 copia

Alessandro Scarsella è il nuovo direttore scientifico di Charta, l’unica rivista illustrata italiana dedicata alla storia dell’editoria, della grafica e del collezionismo biblio-cartofilo.

Scarsella, nato a Roma il 5 giugno 1958, insegna Letterature comparate presso l’Università Ca’Foscari di Venezia. Nell’editoriale che introduce il numero 151 di Charta,  attualmente in libreria e on line sul sito della casa editrice, scrive: “L’intenzione è quella di allargare il quadro tematico e l’orizzonte culturale, anche con un’offerta più vivace sul web. Un altro aspetto che andrà tutelato nel rinnovare la lezione di Charta sarà la capacità di generare situazioni aggreganti  e occasioni di partecipazione, come le Cattedre ambulanti (gli straordinari corsi sui manoscritti antichi) in conformità alla natura stessa  della scrittura e della stampa.  A partire da questo numero 151 di Charta, la costituzione di un comitato scientifico equilibrato e rappresentativo nel suo insieme delle diverse conoscenze e metodologie assiepate nell’area assai ampia occupata dalla rivista, intende assumere in tal senso una duplice funzione di apertura e di verifica fondata su competenza e ricerca.

Ne fanno parte: “Carlo Bordoni (sociologia della lettura), Chiara Calle (illustrazioni e stampe), Dino Casagrande (storia del libro), Pasquale Di Palmo (Otto-Novecento), Claudio Gallo (storia del fumetto), Marco Guardo (discipline del libro) Elisabetta Gulli Grigioni (oggetti e documenti grafici), Marco Menato (Cinquecento), Paola Mollo (ebraistica), Alberto Persico (calendari e almanacchi), Pietro Scapecchi (incunabolistica), Vladimiro Valerio (cartografia), Pier Luigi Vercesi (editoria e comunicazione), Simone Volpato (bibliografia), Giovanna Zaganelli (immagine e testo).”

Una straordinaria avventura editoriale, quella della rivista Charta, iniziata nel novembre 1992 dall’editore Celestino Zanfi di Modena che scelse subito Vittoria de Buzzaccarini come direttore editoriale della testata. La storia della pubblicazione proseguirà poi, a partire dal numero  40 (maggio/giugno 1999), con la casa editrice Nova Charta fondata e diretta da Vittoria de Buzzaccarini che raccoglie il testimone da Zanfi. Impossibile ricordare qui tutti gli autori che si sono succeduti in questi venticinque anni e che sono oltre trecento. Ne citiamo tre per ricordare tutti gli altri: Umberto Eco, Oliviero Diliberto e Pier Vercesi.

A Nova Charta, che dal 2008 con il progetto Salviamo un codice ha sostenuto il recupero di antichi codici nelle biblioteche, fa capo anche Alumina che dal 2003 propone servizi su antichi codici, biblioteche, sull’arte della miniatura, accompagnati da immagini di rara bellezza.

 Alessandro Scarsella, note biografiche

Membro del comitato scientifico di riviste letterarie (tra cui “Ermeneutica Letteraria”, “Miscellanea Marciana”, “IF”) ha pubblicato nel 2008 l’antologia Leggere la Costituzione, con scritti del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano e del Sindaco di Venezia Massimo Cacciari. Autore di monografie, articoli e curatele, dirige la collana “Cimelia” per Novacharta; ha scritto numerose voci alla “Princeton Encyclopedia of Italian Literary Studies”, New York, Routledge, 2006. Ha collaborato anche al Dizionario Einaudi della letteratura americana (2011). Si occupa altresì di bibliofilia, di storia del libro, dell’illustrazione e del fumetto. Dirige a Venezia il Laboratorio per lo Studio Letterario del Fumetto. Ha curato con Delphine Gachet il volume collettaneo Venise (Laffont, 2016), considerato la guida culturale di Venezia finora più completa. Ha diretto il volume di studi Per Aldo Manuzio (Novacharta, 2015) in occasione del quinto centenario Aldino; ha pubblicato la monografia Dal mondo fuori. La ricerca del fantastico (Amos, 2016); per la narrativa Montecaprino (con R. Marchi; Tabula Fati, 2016) e l’inclassificabile Neuronarratologia veneziana, El Squero, 2016.